Sportello Polifunzionale

Filo Diretto con il Comune

Calcoli

Rivoli App

News PA

Scarica e installa Adobe Acrobat Reader per visualizzare i documenti in formato pdf.

Scarica Adobe Acrobat Reader

AREE TEMATICHE

Titolo Procedimento
CALCOLO IMPOSTA IMU E TASI DOVUTA
Oggetto
ASSISTENZA NEI CONTEGGI DELLE IMPOSTE IN AUTO LIQUIDAZIONE
Direzione
DIREZIONE SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI
Servizio
IMU
Responsabile del procedimento
BIROCCO CARLO
Indirizzo mail e recapito telefonico responsabile del procedimento
Tel. n. 0119513541 - e-mail tributi@comune.rivoli.to.it
Descrizione
Dall'anno di imposta 2016 e' esentata dal tributo sui servizi indivisibili - Tasi - l'abitazione principale (unità immobiliare classate in A2, A3, A4, A5, A6, A7), ossia l'immobile in cui il possessore ed il suo nucleo familiare risiedono anagraficamente e dimorano abitualmente. L'esenzione è prevista non solo per il possessore che utilizza l'appartamento come abitazione principale, ma anche per il detentore (inquilino o comodatario) che impiega l'immobile come propria abitazione principale, fissandovi la propria residenza anagrafica e la dimora abituale. L'occupante non dovrà più versare la sua quota parte della tassa sui servizi indivisibili, pari al 20% della tassa medesima. Il proprietario, nei predetti casi di affitto o comodato d'uso degli immobili, continua a pagare esclusivamente la sua quota pari all'80% della tassa stessa. L'IMU e la Tasi, per tutti gli altri immobili, devono essere versate, in auto- liquidazione, in due rate annuali con scadenza 16 giugno e 16 dicembre; il contribuente può anche versare in un'unica soluzione entro la scadenza della prima rata.
Se il cittadino si presenta dopo la scadenza bisogna comunicare che tramite l'istituto del ravvedimento operoso può regolarizzare la propria posizione, mediante:
1) ravvedimento "spint" sino al 14° giorno di ritardo:la sanzione è pari allo 0,1% dell'importo dovuto, per ogni giorno di ritardo;
2) ravvedimento "breve" dal 15° al 30° giorno di ritardo: la sanzione è pari al 1,5% dell'importo dovuto;
3) ravvedimento "medio" dal 31° giorno al 90° di ritardo: la sanzione è pari al 1,67% dell'importo dovuto
4) ravvedimento "lungo" dopo il 90° giorno e sino alla data di presentazione della dichiarazione per l'anno di imposta di riferimento o entro un anno dal pagamento: la sanzione è pari al 3,75% dell'importo dovuto.
All'importo dell'imposta pagata in ritardo vengono applicati gli interessi nella misura del tasso legale per i giorni di ritardo.
L'imposta deve essere versata in funzione della percentuale e dei mesi di possesso (si versa il mese in cui il possesso si è protratto per almeno 15 giorni) e delle aliquote approvate con deliberazione di Consiglio Comunale
Per effettuare i conteggi è necessario conoscere la base imponibile che è costituita dal valore catastale degli immobili (salvo che per i fabbricati ancora non classati in categoria D per i quali si deve utilizzare il valore contabile) e dal valore venale per quel che riguarda le aree fabbricabili . Questi elementi devono essere forniti dal contribuente e confrontati con quelli in possesso dell'Ente nella propria banca dati IMU.
Verificati gli identificativi e le rendite catastali degli immobili in possesso al contribuente è possibile procedere al conteggio dell'IMU e della TASI dovuta tramite apposito programma, rinvenibile sul sito del Comune, nel quale occorre inserire la percentuale e i mesi di possesso e l'aliquota che dipende dalla tipologia e dall'utilizzo dell'immobile
In caso di utilizzo dell'immobile ed eventuali pertinenze una per ciascuna categoria catastale C/2,C/6, C/7, come abitazione principale occorre tenere presente che deve essere applicata la detrazione di Euro 200,00 annui da ripartirsi in funzione dei mesi di possesso e del numero dei possessori occupanti l'unità immobiliare per ciò che concerne l'Imu sulle abitazioni classate in A1, A8 e A9.
Qualora vi siano difformità tra gli immobili dichiarati dal cittadino e quelli presenti in banca dati IMU/TASI occorre verificare la eventuale necessità di presentare le apposite dichiarazioni ed eventualmente provvedere all'aggiornamento di detta banca dati. Per il conteggio dell'Imu e della Tasi, anche a seguito della scadenza delle rate di pagamento, è possibile utilizzare l'apposito calcolatore rinvenibile sul sito del Comune di Rivoli e denominato "Calcolo IUC".
Normative
LEGGE N.214/2011 E S.M.I. E LEGGE N.147/2013 E S.M.I.
Regolamento interno
REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMU
REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELLA IUC
Documentazione - Allegati
Modello F24 semplificato.pdf (file .pdf - dimensione 51,9 KB)
Avvertenze F24 semplificato.pdf (file .pdf - dimensione 51,2 KB)
Dove rivolgersi
SPORTELLO POLIFUNZIONALE - C.so Francia, 98 Rivoli
DAL LUNEDI' AL GIOVEDI' 8,30 - 15,00 VENERDI' e 1° e 3° SABATO del mese 8,30 - 11,00
2° LUNEDI' DI OGNI MESE SERVIZI SU APPUNTAMENTO DALLE 16,30 ALLE 18,00
Soggetto in caso di inerzia
Il soggetto sostitutivo in caso di inerzia è il Segretario Generale
e-mail segretario@comune.rivoli.to.it
PEC: comune.rivoli.to@legalmail.it
tel. n. 9513210

immagine bottone indietro