Sportello Polifunzionale

Filo Diretto con il Comune

Calcoli

Rivoli App

News PA

Scarica e installa Adobe Acrobat Reader per visualizzare i documenti in formato pdf.

Scarica Adobe Acrobat Reader

AREE TEMATICHE

Titolo Procedimento
ALTRE ATTIVITA' COMMERCIALI - APERTURA DI UN PANIFICIO CON VENDITA DIRETTA AL PUBBLICO
Oggetto
Il DL 04/07/2006 n. 223 ha abrogato la legge 31/07/1956 n. 1002 e la lettera b) dell'art. 22 D.lgs 31/03/1998 n. 112. La Camera di Commercio non è pertanto più competente a rilasciare le autorizzazioni per la panificazione ed è stato eliminato il contingentamento delle stesse.E' consentita l'attivita' di vendita dei prodotti di propria produzione per il consumo immediato, utilizzando i locali e gli arredi dell'azienda con l'esclusione del servizio assistito di somministrazione e con l'osservanza delle prescrizioni igienico-sanitarie
Direzione
DIREZIONE RISORSE UMANE E TUTELA DEL CITTADINO
Responsabile del procedimento
CALIGARA RENZO
Requisiti
I locali del panificio devono essere conformi alle vigenti norme regolamentari in materia urbanistica, edilizia e di destinazione d'uso. Gli impianti installati nei locali devono essere realizzati secondo la regola d'arte e in conformità alla normativa vigente. Inoltre occorrono:
- requisiti igienico _ sanitari: notifica di inizio attività alla ASL competente per territorio in merito ai requisiti igienico sanitari in applicazione del regolamento CE/852/2004
- emissioni in atmosfera: se la produzione giornaliera richiede l'utilizzo di farina nella quantità non superiore a 300 Kg non necessita l'autorizzazione alle emissioni in atmosfera (art. 272 del D.Lgs. n. 152/2006 _ Parte 1° Allegato IV alla parte quinta), diversamente è necessaria apposita autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi del D.Lgs. n. 152/2006
Normative
D.L. 4 luglio 2006 n. 223 coordinato con la legge di conversione 4 agosto 2006 n. 248
D.Lgs. 114/98
Legge Regionale 16 luglio 2013, n.14. Norme in materia di pianificazione.
Documentazione
La segnalazione certificata di inizio attività deve essere corredata dai seguenti documenti, fatta salva la possibilità di avvalersi dell'autocertificazione secondo le disposizioni e limitazioni e con le limitazioni di cui del D.P.R. n. 445/2000:
a. Notifica di inizio attività alla Azienda Sanitaria Locale, competente per territorio, in merito ai requisiti igienico sanitari in applicazione del regolamento CE/852/2004
b. Autorizzazione alle emissioni in atmosfera
c. Titolo abitativo edilizio
d. Permesso di agibilità dei locali
e. Indicazione del nominativo del responsabile dell'attività produttiva che con autocertificazione, resa ai sensi del DPR 445/2000, assicura l'utilizzo delle materie prime in conformità alle norme vigenti, l'osservanza delle norme igienico _ sanitarie e la qualità del prodotto finito.
Dove rivolgersi
La segnalazione certificata di inizio attività deve essere presentata per il tramite del portale nazionale "Impresa in un giorno", che svolge il servizio di Sportello Unico alle Imprese in delega alla Camera di Commercio per conto del Comune di Rivoli. Ad esso si accede attraverso il link apposito del SUAP sulla pagina web del Comune di Rivoli, oppure direttamente al portale: www.impresainungiorno.gov.it
Per avere informazioni sullo stato del procedimento ci si può rivolgere al Servizio Commercio, mail: commercio@comune.rivoli.to.it
Strumenti di tutela amministrativi e giuridizionali
TAR Piemonte entro 60 gg dalla notifica del provvedimento o in alternativa il Presidente della Repubblica entro 120 gg. dalla stessa data

immagine bottone indietro