Sportello Polifunzionale

Filo Diretto con il Comune

Calcoli

Rivoli App

News PA

Scarica e installa Adobe Acrobat Reader per visualizzare i documenti in formato pdf.

Scarica Adobe Acrobat Reader

AREE TEMATICHE

Titolo Procedimento
COMMERCIO FISSO - SUBINGRESSO IN ESERCIZIO DI VICINATO
Oggetto
E' la pratica che perfeziona per le finalità amministrative il trasferimento del ramo d'azienda (l'esercizio commerciale) in proprietà o in gestione ad altro soggetto per atto tra vivi (compravendita, affitto, donazione) o a causa di morte
Direzione
DIREZIONE RISORSE UMANE E TUTELA DEL CITTADINO
Servizio
COMMERCIO, SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVA
Responsabile del procedimento
CALIGARA RENZO
Descrizione
Il presente procedimento ha lo scopo di consentire il subingresso, cioè il cambio di gestione o della proprietà in esercizi con superficie di vendita non superiori a 250 mq.
Requisiti
Il subingresso deve essere comprovato da un titolo valido (contratto, atto di donazione, denuncia di successione)

REQUISITI SOGGETTIVI
1.Non possono esercitare l'attività commerciale di vendita e di somministrazione:
a) coloro che sono stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione;
b) coloro che hanno riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, per il quale e' prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata applicata, in concreto, una pena superiore al minimo edittale;
c) coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna a pena detentiva per uno dei delitti di cui al libro II, Titolo VIII, capo II del codice penale, ovvero per ricettazione, riciclaggio, insolvenza fraudolenta, bancarotta fraudolenta, usura, rapina, delitti contro la persona commessi con violenza, estorsione;
d) coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna per reati contro l'igiene e la sanità' pubblica, compresi i delitti di cui al libro II, Titolo VI, capo II del codice penale;
e) coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, due o più' condanne, nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività', per delitti di frode nella preparazione e nel commercio degli alimenti previsti da leggi speciali;
f) coloro che sono sottoposti a una delle misure di prevenzione di cui alla legge 27 dicembre 1956, n. 1423, o nei cui confronti sia stata applicata una delle misure previste dalla legge 31 maggio 1965, n. 575, ovvero a misure di sicurezza;
2. Non possono esercitare l'attività di somministrazione di alimenti e bevande coloro che si trovano nelle condizioni di cui al comma 1, o hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna per reati contro la moralità' pubblica e il buon costume, per delitti commessi in stato di ubriachezza o in stato di intossicazione da stupefacenti; per reati concernenti la prevenzione dell'alcolismo, le sostanze stupefacenti o psicotrope, il gioco d'azzardo, le scommesse clandestine, nonché' per reati relativi ad infrazioni alle norme sui giochi.
3. Il divieto di esercizio dell'attività', ai sensi del comma 1, lettere b), c), d), e) ed f), e ai sensi del comma 2, permane per la durata di cinque anni a decorrere dal giorno in cui la pena e' stata scontata. Qualora la pena si sia estinta in altro modo, il termine di cinque anni decorre dal giorno del passaggio in giudicato della sentenza, salvo riabilitazione.
4. Il divieto di esercizio dell'attività non si applica qualora, con sentenza passata in giudicato sia stata concessa la sospensione condizionale della pena sempre che non intervengano circostanze idonee a incidere sulla revoca della sospensione.
5. In caso di società', associazioni od organismi collettivi i requisiti morali di cui ai commi 1 e 2 devono essere posseduti dal legale rappresentante, da altra persona preposta all'attività' commerciale e da tutti i soggetti individuati dall'articolo 2, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 1998, n. 252. In caso di impresa individuale i requisiti di cui ai commi 1 e 2 devono essere posseduti dal titolare e dall'eventuale altra persona preposta all'attività' commerciale.
6. L'esercizio, in qualsiasi forma e limitatamente all'alimentazione umana, di un'attività' di commercio al dettaglio relativa al settore merceologico alimentare o di un'attività di somministrazione di alimenti e bevande e' consentito a chi e' in possesso di uno dei seguenti requisiti professionali:
a) avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalle regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano;
b) avere, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, esercitato in proprio attività' d'impresa nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande o avere prestato la propria opera, presso tali imprese, in qualità' di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all'amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità' di socio lavoratore o in altre posizioni equivalenti o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell'imprenditore, in qualità' di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all'Istituto nazionale per la previdenza sociale;
c) essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché' nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti.
6-bis. Sia per le imprese individuali che in caso di società', associazioni od organismi collettivi, i requisiti professionali di cui al comma 6 devono essere posseduti dal titolare o rappresentante legale, ovvero, in alternativa, dall'eventuale persona preposta all'attività' commerciale

REQUISITI SANITARI
Nel caso di esercizi di vendita di alimenti deve essere notificata all'ASL TO3 il subingresso

REQUISITI EDILIZI
Sono stati verificati in occasione dell'apertura dell'esercizio
Contribuzione
Nessuna
Soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo
L'attività può essere iniziata immediatamente
Modalità avvio
1.L'esercizio dell'attività di commercio al dettaglio negli esercizi di vicinato è soggetto a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del comune competente per territorio e può essere iniziato dalla data di ricevimento della segnalazione medesima.
2.Il subingresso nell'attività di commercio al dettaglio negli esercizi di vicinato consiste nel trasferimento della gestione o della proprietà per atto tra vivi o per causa di morte dell'attività commerciale, per la quale il cedente ha già presentato la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) di avvio dell'attività allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del comune competente per territorio.
3.La SCIA di subingresso deve essere presentata allo stesso SUAP del comune competente per territorio che è quello in cui ha sede il locale per l'esercizio dell'attività commerciale. L'esercizio di tale attività da parte del subentrante/dichiarante può essere iniziato dalla data di presentazione della segnalazione medesima.
4.Poiché nel caso di subingresso varia soltanto la titolarità dell'attività commerciale, tutti i dati identificativi dell'attività commerciale, già oggetto di SCIA/DIA/COMUNICAZIONE/AUTORIZZAZIONE commerciale di avvio, resteranno immodificati. Quindi, non saranno oggetto di SCIA commerciale di subingresso: il settore merceologico o i settori merceologici, l'ubicazione e la superficie di vendita del locale.
5.Nella SCIA di subingresso il subentrante deve dichiarare i propri dati identificativi e la sussistenza dei requisiti morali.
6.Per quanto riguarda i dati relativi ai locali, si evidenzia che gli adempimenti relativi agli endoprocedimenti previsti dalla normativa in merito agli impianti ed ai fabbricati, che sono utilizzati per l'esercizio dell'attività commerciale, sono stati già espletati da parte del cedente. Comunque, il subentrante deve dichiarare che i locali permangono conformi alle vigenti disposizioni di legge.
Scadenza
Nessuna
Dove rivolgersi
La segnalazione certificata di inizio attività può essere presentata per il tramite del portale nazionale Impresa in un giorno, che svolge il servizio di Sportello Unico alle Imprese in delega alla Camera di Commercio per conto del Comune di Rivoli. Ad esso si accede attraverso il link apposito del SUAP sulla pagina web del Comune di Rivoli oppure direttamente al portale www.impresainungiorno.gov.it

immagine bottone indietro